Immagine

La condivisione di file su Android non è mai stata così confusionaria. Seppur la via più semplice sia quella di utilizzare la condivisione via Bluetooth, diversi produttori hanno implementato dei protocolli proprietari per unire al Bluetooth anche il WiFi Direct e aumentare la velocità di trasferimento dati. Si tratta di una buona cosa ma purtroppo il supporto è limitato agli smartphone del proprio brand (anche se OnePlus, Realme, Black Shark, Meizu, OPPO, Vivo e Xiaomi stanno collaborando per un protocollo condiviso). Fortunatamente sappiamo che Google sta lavorando al proprio servizio di condivisione di file chiamato “Nearby Share” e che probabilmente funzionerà sulla maggior parte degli smartphone Android con le app di Google.

Lo sviluppo di tale protocollo dovrebbe essere parte integrante dei Google Play Services, il che significa che il funzionamento non sarà limitato solo ad Android 11 ma potrà venir usato dalla maggior parte degli smartphone. Inoltre, recenti prove sottolineano che Google lo implementerà anche all’interno del browser Chrome per rendere possible la condivisione di file anche su PC con Chrome OS, Windows, macOS o Linux.

Le prove di cui stiamo parlando sono state trovate nei vari commit di Chromium. Ad aprile, la redazione di ChromeUnboxed ha individuato un commit che è stato unito al Chromium Gerrit con la descrizione “abilita la funzionalità di condivisione nelle vicinanze. Android ha già un’implementazione nativa”. La flag, quindi, aveva lo scopo di abilitare la condivisione nelle vicinanze su piattaforme non Android con il browser Chrome.

A questo poi un commit aggiunto la scorsa settimana ha rivelato che le impostazioni per “Nearby Share” saranno integrate nelle impostazioni di Chrome OS, il sistema operativo desktop sviluppato da Google (con mani che affondano nel codice open source di Chromium).

Un altro recente commit inviato al Chromium Gerrit (non è stato ancora unito) rivela anche che la funzione di condivisione non si limiterà a Chrome OS sul desktop ma dovrebbe essere disponibile su Windows, macOS e Linux nelle impostazioni del browser Google Chrome.

Here are screenshots of the feature as of the latest Google Play Services version.

Phone: Pixel 3a XL
OS: Android 11 Beta 1 pic.twitter.com/5jCgevIsIR

— Mishaal Rahman (@MishaalRahman) June 15, 2020

Statistiche: Inviato da openresource — lun giu 22, 2020 9:57 am


Categories:

Tags:

Comments are closed

Show Buttons
Hide Buttons
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: